Mastrangelo, Lega: “Togliamo fondi alla sanità e investiamo nello sport”

Scarica PDF Stampa

“Cos’è il Genio? È fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità d’esecuzione”. Così parlava Rambaldo Melandri (Gastone Moschin) in una delle memorabili scene di Amici Miei Atto I (1975, regia di Mario Monicelli), per commentare un’ardita ‘zingarata’ del Necchi.

La proposta ‘geniale’

Ed è proprio questa citazione che ci viene in mente ogni volta che una personalità pubblica lancia un improvvisa e roboante stupidaggine nell’etere, senza pensare alle inevitabili conseguenze che ne derivano.

Salvo poi pentirsi e provare ad arrampicarsi sugli specchi, col fine di partorire una toppa (che nel 99% dei casi risulta peggio del buco) in grado di mantenere viva la propria credibilità.

‘Togliamo fondi alla sanità’

Stavolta è stato il turno di Luigi Mastrangelo, ex capitano della nazionale azzurra di pallavolo (ritiratosi nel 2013) e oggi capo del dipartimento dello sport della Lega, che a Radio Capital ha lanciato una proposta che sta facendo pecchio discutere: “Bisogna investire di più nello sporttogliendo magari qualcosa alla sanità”.

Eh già, avete capito bene. Secondo l’ex ‘muro’ della pallavolo italiana nello sport viene stanziato sempre molto poco e nella sanità tantissimo”. D’altronde,Perché dobbiamo aver bisogno di prendere una medicina se possiamo star bene semplicemente facendo attività fisica? Siamo tutti bravi a dire che lo sport è salute, poi però ci dedichiamo poco tempo”.

Sconcertante

Le imbarazzanti parole di Mastrangelo, per certi versi ingiustificabili se pensiamo alle condizioni drammatiche della nostra sanità e all’incubo pandemico affrontato pressoché a mani nude dai pochi operatori sanitari del bel paese, sono state commentate aspramente sui social e non solo.

La presidente dei senatori Pd, Simona Malpezzi, ha definito “sconcertante” il fatto che la Lega proponga tagli a sanità per finanziare sport. Mastrangelo sostiene che si possono tagliare fondi alla salute ‘che sono tantissimi’.

Non ci sorprende visto che fa parte del partito responsabile del disastro in Lombardia dove  il governo di destra ha annullato la medicina territoriale depauperando tutti i presidi sanitari. Un disastro sotto gli occhi di tutti e dove niente si sta facendo sui medici di base. Sconcertante”.

La replica

Il rappresentante della Lega, per rispondere alla odiata ‘sinistra’, ma soprattutto per giustificare in qualche modo il travolgente peto di cui sopra, ha così risposto: “Noto con amarezza che da sinistra, quelli che la vita concreta delle persone non sanno minimamente cosa sia, si sono già affannati a replicare alle mie parole: intendo chiarire che la mia idea, e quella della Lega, si basa su un concetto fondamentale, cioè che un adeguato e calibrato investimento nello sport oggi, produce anche un risparmio in sanità domani”.

Terminando poi con uno scontatissimo: Lo sport è benessere fisico, mentale. Lo sport è vita, è questo il messaggio che dobbiamo dare ai giovani, non le squallide polemiche da campagna elettorale”.

Quanto è lontano, il tempo degli ‘eroi’…

Speranza: “Più risorse per il SSN, è la lezione del Covid”

Tag