Morto suicida il padre di una “arma magica” contro la Covid

Era il primario di Pneumologia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, il dott. Giuseppe De Donno. E, insieme al Policlinico di Pavia, ha sperimentato quella che almeno all’inizio sembrava essere una terapia molto promettente, in grado di migliorare l’outcome clinico dei pazienti malati di Covid e di salvare molte vite:  quella del plasma iperimmune.

Nessun biglietto

Purtroppo, nel pomeriggio di ieri (27 luglio), all’età di 54 anni, il medico è stato trovato senza vita nella sua casa di Curtatone, nel Mantovano. E da ciò che riporta la Gazzetta di Mantova, non vi sarebbero molti dubbi sulle cause della morte: suicidio. Senza nessun biglietto per i suoi cari.

In una intervista risalente al maggio del 2020, mentre si era alle prese con la fine della prima ondata pandemica, il dott. De Donno aveva definito la cura approntata dal suo team “un’arma magica che ci consente di salvare più vite possibili”.

Per la sperimentazione della cura al plasma iperimmune, però, come capofila, era stato poi scelto l’ospedale di Pisa. E forse anche questo ha contribuito a creare nel professionista uno stato di disagio, di tristezza, di depressione. Lo scorso giugno, egli aveva anche lasciato l’ospedale di Mantova e si era ‘ritirato’ a fare il medico di medicina generale a Porto Mantovano.

‘Un colpo difficile da gestire’

Così lo ha ricordato il direttore di Asst di Mantova Raffaello Stradoni: “Ho avuto modo di conoscere di persona e confrontarmi più di una volta con De Donno e devo dire che era una persona davvero squisita: onesto fino in fondo, si è sempre speso per la verità e per gli altri.

Durante la prima ondata del Covid aveva dato il meglio di se stesso ed era davvero apprezzato sia dai colleghi medici che dalle centinaia di pazienti che hanno avuto a che fare con lui. Aveva investito moltissimo anche nelle ricerche sul plasma, cura che ora è stata abbandonata ma che nonostante tutto aveva dato i suoi frutti. L’abbandono del plasma per altre cure per lui è stato sicuramente un colpo decisamente difficile da gestire”.

Autore: Alessio Biondino

Green pass obbligatorio per gli operatori sanitari?

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO