“Personale sanitario che non si vaccina? Deve cambiare mestiere”

Stavolta, a tuonare il concetto, è stato il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini. Lo ha fatto a Bologna, lo scorso giovedì, durante la presentazione del suo libro ‘Il Paese che vogliamo’, mentre era incalzato dalle domande della giornalista Bianca Berlinguer.

‘I no vax devono vergognarsi’

Diversi i temi trattati. Di certo, Bonaccini non le ha mandate a dire per quanto riguarda vaccinazioni e obbligo vaccinale: “Mi fa specie che qualche leader non sia ancora vaccinato” ha detto, riferendosi in modo non troppo velato a Matteo Salvini.

Ma non solo. Perché riferendosi ai no vax, senza utilizzare mezzi termini il presidente ha dichiarato che questi “devono vergognarsi”. Così come gli operatori sanitari che rifiutano la vaccinazione, lavoratori che “Devono cambiare mestiere”.

‘Bisogna immunizzare più gente possibile’

Per ciò che concerne la campagna vaccinale in generale popolazione, Bonaccini ha evidenziato che bisogna immunizzare tutte le persone possibili, la differenza la fa la protezione”. Per questo motivo,

bisogna accelerare e recuperare una parte un po’ scettica”.

Il presidente ha anche anticipato che Cercheremo di andare nei luoghi di vacanza per sollecitare e portare camper ad hoc per invitare a vaccinarsi chi non ci ha pensato o è scettico.

Più vaccinati abbiamo tra il personale scolastico, dove però siamo messi bene in termini di percentuali, e tra gli studenti e meno si rischia di chiudere”.

Autore: Alessio Biondino

Pordenone: sospesi 200 sanitari non vaccinati? Non proprio…

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO