L’urlo degli infermieri, “dopo anni di fatica e senso di abbandono”

In una lettera aperta a tutti gli aspiranti deputati e senatori del territorio, Fabio Fedeli, presidente dell’Opi di Lecco, ha provato a spiegare in poche righe la terribile carenza di infermieri in Italia: “Vi chiedo di ascoltare i professionisti sanitari con le loro istanze che si alzano con la prorompenza di urlo ormai, dopo anni di fatica e senso abbandono”.

La fuga

Eh sì, perché nonostante le tante promesse elargite in piena fase pandemica, ad oggi per i professionisti più bistrattati della storia dell’umanità è cambiato ben poco. E infatti non ci sono più giovani che scelgono il corso di laurea in Infermieristica, ai concorsi in Asst partecipano in pochi, le graduatorie si esauriscono in fretta e i pochi infermieri che ancora ci sono cercano altre posizioni lavorative. Addirittura, c’è chi si dimette senza aver trovato un altro lavoro, visto che non ce la fa proprio più.

Già prima dell’incubo Coronavirus si parlava di una carenza cronica e insostenibile di professionisti, che iniziavano a non reggere più il peso dell’intero sistema. E ora, dopo questi anni d’inferno, dopo essere stati abbandonati dalla politica e con la spada di Damocle delle sanzioni per l’obbligo ECM tra capo e collo a peggiorare l’attrattività professionale, gli infermieri non ne possono davvero più.

E adesso bisogna fare i conti col fatto che ospedali, cliniche, case di riposo, RSA, residenze per disabili, poliambulatori e le case di comunità (di cui si parla molto) rischiano di chiudere i battenti. A meno che, tra Super OSS, mini infermieri e via dicendo, non ci si inventi qualche stratagemma più o meno fattibile per tirare avanti.

La situazione a Lecco

Nei paesi OCSE, in media, si contano 8,8 infermieri ogni mille abitanti. In Italia, purtroppo, si scende a 6,2 e a Lecco, dove solo 2.000 infermieri risultano iscritti all’Ordine, si parla di 6 professionisti ogni 1.000 abitanti.

Numeri impietosi, che Fedeli commenta così: “I numeri parlano chiaro. In Italia abbiamo uno dei rapporti infermieri-abitanti fra i più bassi. Sempre meno diplomati scelgono il corso di laurea in Infermieristica. In alcune zone si fatica a saturare i posti messi a bando e negli ultimi anni la media è stata inferiore a 1,5 candidati per ogni posto messo a bando”.

Obbligo ECM, la FNOPI annuncia: rischio di sanzioni “fino alla radiazione”

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO