Violenza sessuale su studentessa infermiera, sospeso direttore didattico

Scarica PDF Stampa

Una brutta vicenda, risalente allo scorso ottobre, è stata raccontata da diversi quotidiani locali: una studentessa del CdL in Infermieristica denunciò ai Carabinieri il direttore didattico del corso di Infermieristica de “La Sapienza” (polo Latina-Terracina).

L’approccio

Secondo la ragazza, il docente sessantenne tentò un approccio sessuale con lei, provando a baciarla dopo un abbraccio. Per questo, il sostituto procuratore D. Monsurrò chiese per lui la sospensione dal lavoro.

Il direttore nega ogni addebito

Lo scorso 19 luglio il direttore didattico (difeso dai legali Montalto e De Angelis) ha risposto alle domande di Pierpaolo Bortone, Giudice per le indagini preliminari, negando ogni addebito e fornendo una versione diversa rispetto ai fatti che gli vengono contestati.

Ma è dei giorni scorsi la notizia che il Gip Bortone ha disposto la sospensione dal lavoro (e dallo stipendio) del dipendente di Asl e Università La Sapienza, accusato di violenza sessuale.

I Carabinieri e il sostituto procuratore, infatti, dopo aver ascoltato anche diverse testimonianze (tra cui quelle di alcuni colleghi del docente), sono rimasti assai poco convinti sulla versione data dall’uomo.

Interdetto

Il pm aveva chiesto per lui anche l’applicazione misure restrittive, ma il gip, nonostante condivida in toto l’impianto accusatorio, ha optato per l’interdizione della durata di un anno, sia dall’Università sia dalla Asl di Latina.

Che per i quotidiani locali, la studentessa in Infermieristica sia una “ALLIEVA INFERMIERA” della “SCUOLA INFERMIERI”, è un’altra aberrante, triste storia. Fuori dal tempo.

Infermiera narcotizzata e stuprata, il primario confessa

Tag