Perché è importante documentare l’attività infermieristica?

Perché è importante documentare l'attività infermieristica
Perché è importante documentare l'attività infermieristica

Troppi infermieri si lamentano dell’inutile burocrazia nell’assistenza al paziente: ma sarà vero che la documentazione infermieristica è solo uno spreco di tempo che potremmo impiegare per assistere il paziente? È davvero importante documentare l’attività infermieristica? Proviamo a rispondere a questa domanda (breve spoiler: la risposta è…si!).

L’evoluzione infermieristica

L’abbiamo più volte sentito all’università, in azienda, ovunque, “Se non lo scrivi e come se non l’avessi fatto!“. Sarà per questo motivo che nessuno ha mai battuto ciglio continuando a compilare pile e pile di scartoffie burocratiche e scale di valutazione senza chiedersi ma perché devo documentare l’attività infermieristica? È davvero utile in fondo? In questo articolo spieghiamo le ragioni della risposta a questa domanda.

L’enorme accelerazione negli ultimi decenni dell’identità, la formazione universitaria e la professionalità infermieristica hanno cambiato completamente le carte in tavola: dal punto di vista normativo l’evoluzione dell’infermiere è piuttosto chiara al legislatore e alla giurisprudenza che non hanno alcuna remora ad imputare agli infermieri  gravi responsabilità nell’operato del proprio lavoro.

Leggi anche / Tutta la legislazione infermieristica e sanitaria per prepararsi ai concorsi per infermieri 

Negli ultimi anni la legislazione infermieristica ha stravolto lo stesso infermiere che si è trovato gettato in un mondo professionale con un sensibile aumento e diversificazione del livello di responsabilità del proprio operato, sia di fronte a chi può giudicarlo sia nei confronti dei pazienti.

Perché documentare l’attività infermieristica?

Questa nuova dimensione professionale porta, senza alcun dubbio, l’infermiere a dover produrre una documentazione della propria attività infermieristica in grado di comprovare quanto sia stato fatto, e allo stesso modo, garantire che la continuità assistenziale venga rispettata attraverso un accesso agli interventi infermieristici e a passaggio di informazioni non frammentate o disorganizzate.

Anche l’evoluzione dell’infermiere da funzione tecnica a professionista intellettuale ha avuto l’effetto richiesto di passare da esecutore diretto a autonomo responsabile dei propri interventi e quindi obbligato a decidere, attuare e valutare il proprio intervento assistenziale.

Va da sé che la documentazione infermieristica non può essere solo un elemento accessorio e facoltativo, visto che, in quanto supporto fondamentale dalla quale originano le valutazione e le decisioni peculiari dell’infermiere, essa non può che essere considerata che strumento integrante della propria professionalità.

In definitiva, è quindi necessario modificare il concetto di documentazione infermieristica come base per una “memoria storica” di ciò che abbiamo fatto sul paziente. La documentazione è quindi, lo strumento su cui si basano le nostre attività e non il contrario.

A ragione di ciò è si la risposta alla domanda sul “perché è importante documentare l’attività infermieristica?”

Tutto ciò ci ha spinto ad essere considerati, volenti o nolenti, una professione intellettuale, e visto che, l’attività intellettuale consiste nell’applicazione tangibile di competenze tecnico-scientifiche in oggetto di prestazione, si può dedurre che la componente intellettuale della prestazione infermieristica è predominante rispetto a quella tecnica, la quale seppure mantiene fondamentalmente un’importanza capitale (perché è ciò che risolve i problemi assistenziali) rappresenta soltanto l’atto conclusivo di un processo iniziato molto tempo prima: durante l’attività di valutazione, pianificazione e attuazione…quindi di documentazione.

Fonte dell’articolo:

La responsabilità dell'infermiere e le sue competenze

La responsabilità dell'infermiere e le sue competenze

Bugnoli Stefano, 2014, Maggioli Editore

Dal 2011 è aperto, pur con mille contraddizioni, un tavolo congiunto tra Ministero e Regioni con l'obiettivo dichiarato di individuare nuove competenze e responsabilità per l'infermiere nell'area specialistica, così da avere a breve un nuovo importante elemento innovativo nella...



Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO