Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino? E perché?

Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino
Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino

Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino? La risposta è si, e viene direttamente dall’Istituto Superiore di Sanità con il Rapporto dedicato ai vaccini e alle varianti del Sars-Cov-2.

Gli studi scientifici avevano già confermato l’ipotesi, poi confermata dal Ministero della Salute, e ora definitivamente avvalorata anche dall’ISS: anche  chi ha contratto il Covid e poi è guarito deve essere vaccinato. In queste persone, però, una sola dose è sufficiente per essere parzialmente immuni.

Il Manuale dei Caregiver familiari

Il Manuale dei Caregiver familiari

a cura di Franco Pesaresi, 2021, Maggioli Editore

“Ti salverò da ogni malinconia, perché sei un essere speciale, ed io avrò cura di te”.Franco Battiato Il presente volume si occupa a tutto tondo del caregiver familiare, per offrire al lettore una specifica e completa caratterizzazione sul piano culturale, sociale, giuridico ed...



È sicuro il vaccino dopo il Covid?

A prescindere se sintomatico o asintomatico, il vaccino Anti-Covid è sicuro anche in chi ha già avuto il Covid ed è poi guarito. Questo perché gli anticorpi specifici contro la proteina Spike non durano per sempre.
Secondo recenti studi, gli anticorpi anti-SARS CoV-2 RBD-Spike potrebbero durare solo pochi mesi, ma una dose è sufficiente per riattivare il sistema immunitario a riprodurne ancora.

Cosa deve fare chi è guarito dal Covid prima del vaccino?

Il rapporto ISS, indica che non è necessario alcun test diagnostico che confermi l’infezione pregressa e che i test di laboratorio fatti per confermarli non sono raccomandati “ai fini del processo decisionale sulla vaccinazione“.

Escluso chi presenta un’immunodeficienza, a cui verranno comunque somministrate le due dosi canoniche, chi ha una documentazione di pregressa infezione, riceverà una dose di vaccino, se la stessa è compresa tra i 3 e i 6 mesi antecedenti alla vaccinazione.

Chi ha avuto il Covid deve comunque fare il vaccino?

Le recenti pubblicazioni confermano che la risposta immunitaria evocata da una dose di vaccino a mRNA, nei pazienti con pregressa infezione da Covid, è robusta quanto quella di chi ha completato il ciclo vaccinale ma non è mai stato infettato.

L’Istituto Superiore di Sanità ha già confermato questa evenienza nel suo nuovo rapporto. Quindi si, deve fare almeno una dose del vaccino. Sempre nel nel rapporto: “E’ possibile considerare la somministrazione di un’unica dose purché la vaccinazione venga eseguita ad almeno 3 mesi di distanza dall’infezione e entro i 6 mesi dalla stessa”.

Perché fare il vaccino dopo la guarigione dal Covid?

Che sia stato un decorso asintomatico o no, gli anticorpi anti-proteina Spike non durano per sempre. Secondo alcuni studi, in qualche mese, mediamente tra i sei e i nove mesi, la copertura anticorpale potrebbe essere insufficiente a garantire una copertura contro la malattia e il contagio nella maggior parte delle persone. A questo scopo, una dose è sufficiente, per riattivare il sistema immunitario in chi ha avuto il Covid e poi è guarito, basta solo una sollecitazione antigenica a rinvigorire il sistema immunitario.

Autore: Dario Tobruk (Profilo Linkedin)

Fonte:

  • Gruppo di lavoro ISS Prevenzione e controllo delle Infezioni. Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in tema di varianti e vaccinazione anti COVID-19. Versione del 13 marzo 2021. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2020 (Rapporto ISS COVID-19 n. 4/ 2021)

Leggi anche:

Ecco perché la seconda dose del vaccino ha spesso effetti collaterali

Condividi
Dopo una lunga esperienza in area critica e un Master in Tecniche ecocardiografiche, attualmente lavora come infermiere sul territorio. Autore di "ECG Facile: dalle basi all'essenziale" e redattore tecnico-scientifico, ha conseguito un Master in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza. Dal 2016, in collaborazione con la casa editrice Maggioli, founder e direttore di DimensioneInfermiere.it.

18 Commenti

  1. Vorrei però sapere se il va vicino lo si fa prima dei tre mesi consigliati dopo la malattia in forma non grave cosa può succedere. Mio figlio in Nicaragua gli dice no che lo può fare anche subito

    • La gestione dei vaccini durante o dopo la malattia è una competenza delle diverse nazionalità. Nei casi specifici è bene chiedere al proprio medico che valuterà il caso e vi saprà dare tutte le indicazioni del caso.

  2. Pongo una domanda per un mio conoscente, in Italia per lavoro, lui è polacco, ha vuto il covid a marzo, deve fare fare il vaccino, che tempi deve osservare??? Va bene entro i nove mesi dalla guarigione???
    Grazie

  3. Salve,vorrei porre una domanda,ma se una persona prende il covid dopo aver fatto le 2 dosi di vaccino quindi senza nessun sintomo,ragion per cui non lo sai,potrà fare la terza dose? grazie

  4. Si omette sempre di dire che se è vero che gli anticorpi anti-proteina Spike entro un certo lasso di tempo decadono è altrettanto vero che esistono anche anche i linfociti T di memoria. Un gruppo internazionale di ricercatori ha valutato i linfociti T di memoria in persone che hanno avuto diversi tipi di contatto con il COVID-19. Le evidenze raccolte hanno dimostrato che il virus determina un’intensa, ampia e attiva risposta da parte di queste cellule. Si ricorda che il sistema immunitario ha due modi di mantenere la memoria del contatto con un microrganismo patogeno. Una è quella di produrre linfociti B che, a loro volta, diventano plasmacellule programmate per sintetizzare anticorpi diretti contro il microrganismo. L’altra è quella di generare popolazioni di linfociti T detti di “memoria”, che sono in grado di distruggere le cellule dell’organismo infettate dal virus o dal batterio. Nei soggetti convalescenti dopo la fase acuta, i linfociti T attivati contro il COVID-19 hanno caratteristiche diverse, assumendo una funzione prevalentemente di memoria, vale a dire che sono predisposti a difendere l’organismo da un eventuale secondo contatto. Un aspetto di fondamentale importanza, non solo per capire la modalità di difesa del sistema immunitario, ma anche per individuare i soggetti che hanno avuto contatti con il virus, è che i linfociti T programmati per rispondere al contatto con il COVID-19 si trovano anche in persone che non hanno anticorpi rivolti contro il virus, ma che sono stati sicuramente esposti all’infezione perché hanno avuto parenti con malattia da COVID-19 o l’hanno avuta loro stessi anche in forma asintomatica. Tutto ciò non per innescare alcun tipo di polemica contro i vaccini, ci mancherebbe, ma solo per completezza di informazione e di corretta valutazione. Cordialmente

    • Non sono un medico ma leggendo tanto mi trova d’accordo sul suo pensiero allora la mia domanda sorge spontanea chi come me ha fatto il Covid a marzo 2020 con polmonite interstiziale curata a casa e superata e ad oggi rilevo ancora una buona quantità di anticorpi perche mi obbligano a vaccinarmi comunque quando il mio organismo ha già quello che gli serve in caso di reinfezione ?

  5. Ho avuto il covid a novembre 2021 fatta la prima dose a maggio . Devo e tra quanto fare la seconda vaccinazione.

    • Non possiamo, deontologicamente, rispondere alla sua richiesta, in quanto è dovere del suo medico di famiglia farlo poiché conosce la sua situazione clinica meglio di chiunque altro.

      La redazione.

  6. Ho avuto il covid ad Aprile ( asintomatico ) , due anni fa ho avuto la ricostruzione della valvola mitralica .
    è possibile avere l’esenzione dal vaccino visto che ho ancora moltissimi anticorpi ? inoltre esistono possibilità di avere eventuali pericolose contrindicazioni ( ADE o infiammazioni del tessuto miocardico ) .
    grazie

    • Come ripetiamo a chiunque faccia richieste simili, deve parlarne con il suo medico di famiglia in quanto è questa figura quella preposta a decidere e fornirle i dettagli del suo caso. Con l’augurio di ogni bene.

      La redazione.

  7. Buongiorno, dovrei far svolgere da un artigiano un lavoro in casa mia della durata di due giorni. Questa persona ha avuto il covid per 1 mese e mezzo ed è guarita a maggio del 2021 , non ha fatto la dose di vaccino dopo i 3/6 mesi dicendo che ha gli anticorpi alti e fa ogni 2 settimane il tampone. Io non mi sento sicura. Vorrei sapere: c’è il pericolo di infettarmi? Grazie per la risposta

    • Non possiamo rispondere nel merito anche perché i fattori in gioco sono troppi. In ogni caso, in un libero mercato, lei puoi scegliere chiunque l’aggradi. Le consigliamo, ad ogni modo, che Lei sia protetta con vaccino, distanziamento sociale e uso delle mascherina.

      La redazione.

  8. Ho avuto il covid a marzo e sono guarita il 4 aprile 2021, mi sono vaccinata con unica dose il 22 settembre 2021, sono sufficientemente immunizzata? Grazie e saluti

    • Solo specifici esami del sangue, come ad esempio la ricerca degli anticorpi anti-spike IGG e IGM potrebbero rispondere a questa domanda. Ne parli con il suo medico di famiglia.

      Saluti, la redazione.

  9. Buona sera, ho fatto le 2 dosi di vaccino, l’ultima i primi di settembre, oggi approvata la terza dose per la fascia di età 40/60, io ho 50 anni.
    Tre settimane sono stata contagiata, ho preso il virus, in forma lieve, fortunatamente tuto passato, ora Chiedo.. Devo fate la terza dose? Se si quanto tempo deve passare, o devo fare prime delle indagini per verificare anticorpi sviluppati o altro. Da premettere che seguo una terapia di cortisone( per 2 mesi) a seguito di una iodio terapia. Grazie a chi mi risponderà. Buona serata

    • Come ripetiamo spesso, purtroppo non possiamo rispondere a questa domanda in quanto di competenza del suo medico di base a cui deve rivolgersi. Auguri.

      La redazione.

  10. Buonasera, sono Giuseppe, ho fatto solo una dose il 29 maggio (Astrazeneca) poi ho avuto il covid con guarigione 10 agosto. Da allora non ho fatto più nulla.
    Devo fare il vaccino? E quale devo prenotare? Booster?
    Grazie

LASCIA UN COMMENTO