Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino? E perché?

Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino
Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino

Chi ha avuto il Covid deve fare il vaccino? La risposta è si, e viene direttamente dall’Istituto Superiore di Sanità con il Rapporto dedicato ai vaccini e alle varianti del Sars-Cov-2.

Gli studi scientifici avevano già confermato l’ipotesi, poi confermata dal Ministero della Salute, e ora definitivamente avvalorata anche dall’ISS: anche  chi ha contratto il Covid e poi è guarito deve essere vaccinato. In queste persone, però, una sola dose è sufficiente per essere parzialmente immuni.

Il Manuale dei Caregiver familiari

Il Manuale dei Caregiver familiari

a cura di Franco Pesaresi, 2021, Maggioli Editore

“Ti salverò da ogni malinconia, perché sei un essere speciale, ed io avrò cura di te”.Franco Battiato Il presente volume si occupa a tutto tondo del caregiver familiare, per offrire al lettore una specifica e completa caratterizzazione sul piano culturale, sociale, giuridico ed...



È sicuro il vaccino dopo il Covid?

A prescindere se sintomatico o asintomatico, il vaccino Anti-Covid è sicuro anche in chi ha già avuto il Covid ed è poi guarito. Questo perché gli anticorpi specifici contro la proteina Spike non durano per sempre.
Secondo recenti studi, gli anticorpi anti-SARS CoV-2 RBD-Spike potrebbero durare solo pochi mesi, ma una dose è sufficiente per riattivare il sistema immunitario a riprodurne ancora.

Cosa deve fare chi è guarito dal Covid prima del vaccino?

Il rapporto ISS, indica che non è necessario alcun test diagnostico che confermi l’infezione pregressa e che i test di laboratorio fatti per confermarli non sono raccomandati “ai fini del processo decisionale sulla vaccinazione“.

Escluso chi presenta un’immunodeficienza, a cui verranno comunque somministrate le due dosi canoniche, chi ha una documentazione di pregressa infezione, riceverà una dose di vaccino, se la stessa è compresa tra i 3 e i 6 mesi antecedenti alla vaccinazione.

Chi ha avuto il Covid deve comunque fare il vaccino?

Le recenti pubblicazioni confermano che la risposta immunitaria evocata da una dose di vaccino a mRNA, nei pazienti con pregressa infezione da Covid, è robusta quanto quella di chi ha completato il ciclo vaccinale ma non è mai stato infettato.

L’Istituto Superiore di Sanità ha già confermato questa evenienza nel suo nuovo rapporto. Quindi si, deve fare almeno una dose del vaccino. Sempre nel nel rapporto: “E’ possibile considerare la somministrazione di un’unica dose purché la vaccinazione venga eseguita ad almeno 3 mesi di distanza dall’infezione e entro i 6 mesi dalla stessa”.

Perché fare il vaccino dopo la guarigione dal Covid?

Che sia stato un decorso asintomatico o no, gli anticorpi anti-proteina Spike non durano per sempre. Secondo alcuni studi, in qualche mese, mediamente tra i sei e i nove mesi, la copertura anticorpale potrebbe essere insufficiente a garantire una copertura contro la malattia e il contagio nella maggior parte delle persone. A questo scopo, una dose è sufficiente, per riattivare il sistema immunitario in chi ha avuto il Covid e poi è guarito, basta solo una sollecitazione antigenica a rinvigorire il sistema immunitario.

Autore: Dario Tobruk (Profilo Linkedin)

Fonte:

  • Gruppo di lavoro ISS Prevenzione e controllo delle Infezioni. Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in tema di varianti e vaccinazione anti COVID-19. Versione del 13 marzo 2021. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2020 (Rapporto ISS COVID-19 n. 4/ 2021)

Leggi anche:

Ecco perché la seconda dose del vaccino ha spesso effetti collaterali

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica e Cardiologia, Master in Tecniche ecocardiografiche (UniCattolica). Web Content Editor medico-scientifico, iscritto al Master in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza. Nel 2016, in collaborazione con la casa editrice Maggioli, ha fondato DimensioneInfermiere.it.

3 Commenti

  1. Vorrei però sapere se il va vicino lo si fa prima dei tre mesi consigliati dopo la malattia in forma non grave cosa può succedere. Mio figlio in Nicaragua gli dice no che lo può fare anche subito

    • La gestione dei vaccini durante o dopo la malattia è una competenza delle diverse nazionalità. Nei casi specifici è bene chiedere al proprio medico che valuterà il caso e vi saprà dare tutte le indicazioni del caso.

  2. Pongo una domanda per un mio conoscente, in Italia per lavoro, lui è polacco, ha vuto il covid a marzo, deve fare fare il vaccino, che tempi deve osservare??? Va bene entro i nove mesi dalla guarigione???
    Grazie

LASCIA UN COMMENTO