Infermieri in piazza: “Di Nobel e francobolli non sappiamo che farcene!”

“Mai più morti per mancata assistenza” e “Valore alla salute, dignità al personale, sicurezza alle cure”. Sono questi gli slogan con cui ieri, a Torino, gli infermieri sono di nuovo scesi in piazza insieme a Nursind Piemonte per protestare contro le mancate promesse delle istituzioni, il calo di attenzione nei confronti di quelli che fino a poco tempo fa erano ‘eroi’, l’insostenibile carenza di personale e il tanto agognato cambiamento che sembra non voler mai arrivare.

‘Non è stato solo il virus a provocare così tanti morti’

Questo il lungo comunicato del sindacato di categoria, scritto dal segretario regionale Francesco Coppolella: “Quando sono terminati gli applausi dai balconi è terminata anche l’attenzione delle istituzioni a quella che era una richiesta legittima di valorizzazione e riconoscimento che non è mai arrivata.

Abbiamo manifestato più volte la nostra angoscia, la nostra rabbia e il nostro dolore che ci ha fatto sperare finalmente che le cose potessero cambiare. Purtroppo così non è stato.

Del Nobel per la pace e di francobolli seppur possano in qualche modo renderci orgogliosi, non sappiamo che farcene se poi tutto resta uguale a prima. 

Questa mattina gli infermieri sono scesi in piazza per chiedere riforme per il nostro sistema sanitario affinché non ci siano più morti e sofferenza per mancata assistenza, bisogna avere il coraggio di dirlo, perché così è stato. Non è stato solo il virus a provocare cosi tanti morti.”

‘Abbiamo paure che nulla cambierà’

“A distanza di 14 mesi, ci troviamo di fronte ad una sanità flagellata, smembrata, confusa esattamente come dopo una guerra dettata dalla continua esigenza di rispondere all’emergenza.

Chiusure, aperture, conversioni, tamponi, vaccini, liste di attesa, personale ridotto, precariato. Le acque di questo tsunami si stanno lentamente ritirando per la terza volta e ogni volta si portano dietro morti, sofferenze, distruzione di un sistema sanitario già di per se fragile, che va ricostruito.

Abbiamo paura che nulla cambierà. Anzi, abbiamo il timore che sarà addirittura peggio perché una situazione che migliora sarà vista come una soluzione e non come occasione per cambiare.”

‘Abbiamo la metà di infermieri rispetto agli altri paesi europei’

Tutti  abbiamo sperato e  credevamo che un fatto cosi drammatico, così grave, così atroce, potesse finalmente aprire gli occhi a chi ha il dovere di occuparsene, la nostra classe politica, sempre impegnata nella ricerca del consenso.

Possiamo invece vedere che gli investimenti sono gravemente insufficienti e non ci sono politiche di riorganizzazione e neanche quelle sul personale. Noi non dimentichiamo e non possiamo dimenticare perché i morti li abbiamo guardati in faccia uno ad uno.

I drammi e le tragedia le abbiamo vissute tutti i giorni in prima persona, non stando seduti su una poltrona o dietro ad una scrivania. Il NurSind, il sindacato infermieristico che ha organizzato la manifestazione, ha chiesto che si parli di fabbisogni di personale, di modelli di assistenza, di territorio e  percorsi di cura, di valorizzazione delle competenze.

Mancano 160 mila infermieri in Italia, qual è la proposta politica per rispondere a questo gap. Non c’è. Abbiamo la metà di infermieri rispetto ad altri paesi europei e abbiamo lottato con la metà delle risorse rispetto a loro. Qual è la risposta politica? Non esiste.

‘Rivendichiamo condizioni di lavoro sicure e dignitose’

“Abbiamo stipendi di molto inferiori e indennità ferme al 1995, al secolo scorso. Tutti lo hanno raccontato. Qual è la risposta politica? Un indennità specifica di poche decine di euro al mese messa nella legge di bilancio che ancora non abbiamo visto e che si vedrà alla firma di un nuovo contratto, già in scadenza e che ancora non si sa quando sarà discusso.  

Chi può dimenticare lo ha già fatto, noi non possiamo ed è per questo che faremo sentire sempre la nostra voce e non molleremo di un centimetro nel rivendicare condizioni di lavoro sicure e dignitose, continuando a chiedere la giusta valorizzazione per le nostre competenze”.

E nel dl Sostegni appena diventato legge…

Che nel Decreto Legge ‘Sostegni’, appena approvato anche alla Camera e diventato perciò legge dello Stato, non vi sia ancora traccia delle accorate richieste presentate dagli infermieri (come l’autonomia nella campagna vaccinale così come concesso ai farmacisti e l’abolizione del vincolo di esclusività non solo per quanto riguarda le vaccinazioni), è un’altra triste storia. Altamente prevedibile. E che conferma, purtroppo, le tante paure gridate a gran voce dagli infermieri che erano in piazza ieri mattina.

Autore: Alessio Biondino

‘Nulla è cambiato: Infermieri già nel dimenticatoio’

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO