Vaccino anti-Covid obbligatorio per i sanitari: gli esperti a favore

Vaccino anti-Covid obbligatorio per i sanitari
Vaccino anti-Covid obbligatorio per i sanitari

Medici e infermieri devono fare il vaccino anti-Covid. Chi opera in campo sanitario e si rifiuta, deve cambiare mestiere” non può essere più chiaro di così il prof. Massimo Galli, infettivologo del Sacco di Milano che, intervenendo al programma L’Aria che tira (La7), scoperchia il Vaso di Pandora.

Nella sua linea di pensiero, solo le persone comuni possono avere dubbi sull’efficacia e la sicurezza del vaccino, per il personale sanitario non c’è tolleranza che possa giustificarne l’esitazione.

 

Vaccino obbligatorio per i sanitari: la linea degli esperti verso l’obbligo

Coerente con il suo messaggio il prof. Galli si è presentato il 27 dicembre al V-Day per farsi vaccinare come promesso: “Esitazione è ingiustificata, sono qui a dimostrare adesione e fiducia.“. Nessun tentennamento nelle parole di Galli quando afferma che l’unico modo per convincere le persone comuni a vaccinarsi sia quello di raccontare la verità su come stanno veramente le cose: “non c’è vaccino o farmaco che assumiamo che non abbia un margine di rischio di effetti collaterali, ma non accetto che si enfatizzi questo rischio“.

Tra i primi a farsi vaccinare, il primario dimostra che, il rapporto tra rischio e beneficio (sia personale che collettivo) protende tutto verso quest’ultimo. Continua quindi il primario: “È ora di voltare pagina, questa è l’occasione. Inizia la possibilità di voltare pagina. Il 100% di sicurezza non esiste per nessun farmaco, vaccino o intervento chirurgico”.

Il virologo Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino, non ha dubbi e, oltre a farsi vaccinare tra i primi in Liguria, dichiara senza remore: “Dobbiamo far sì che tutto il sistema sanitario si vaccini se anche una piccola parte sarà scoperta sarà un tallone d’Achille per il nostro sistema. Chi oggi è qui deve dare un messaggio per quelli che sono titubanti“.

Alla domanda se sia giusto rendere obbligatorio il vaccino per il personale sanitario, emerge la stessa corrente di pensiero di altri esperti interpellati sul vaccino obbligatorio per i sanitari: “Sì, l’ho detto tante volte, andava fatta una legge prima. A questo punto vedremo a livello nazionale quale sarà stata la copertura alla fine di febbraio. A quel punto si dovranno prendere dei provvedimenti. Credo che in un ospedale, una struttura sanitaria, una Rsa dovrebbe poter entrare unicamente chi ha fatto il vaccino. Chi non ha fatto il vaccino non è giusto che lavori nel sistema sanitario. Non è un problema solo per se stesso, ma anche per le persone che assiste. Lo abbiamo visto anche qui al San Martino, tante volte gli operatori sanitari hanno portato il contagio alle persone. Dobbiamo arrivare ad avere una copertura del 100%, non esiste 80-85%. Degli operatori sanitari chiunque dev’essere vaccinato”

Qualche settimana fa si parlava di vaccino anti-influenzale. Dalle affermazioni del prof. Walter Ricciardi (consigliere del Ministero della Salute), possiamo già riflettere sulle sue parole: “Se gli operatori sanitari non faranno il vaccino (anti-influenzale NdR), io sono per una forma di obbligo“. È difficile credere che per il vaccino anti-Covid il consigliere ministeriale possa avere un’opinione più morbida.

Vaccino obbligatorio per personale sanitario se adesione non volontaria?

Si attendono quindi i risultati delle adesioni alla campagna vaccinale da parte del personale sanitario ma, se con la popolazione l’obbligo alla vaccinazione risulta più difficile da applicare, con i sanitari le armi di persuasione potranno risultare superflue: o l’adesione dei sanitari sarà prossima alla totalità o potranno essere previste norme che renderanno il vaccino obbligatorio per i sanitari.

Ad oggi la FNOPI e molti infermieri stanno aderendo spontaneamente alla campagna di vaccinazione ma serpeggiano anche tra colleghi dubbi sull’efficacia e sulla sicurezza del vaccino, basterà l’obbligo a dissiparli?

Autore: Dario Tobruk (FacebookTwitter)

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Caterina Galletti, Loredana Gamberoni, Giuseppe Marmo, Emma Martellotti, 2017, Maggioli Editore

La maggior parte dei libri di storia infermieristica si ferma alla prima metà del ventesimo secolo, trascurando di fatto situazioni, avvenimenti ed episodi accaduti in tempi a noi più vicini; si tratta di una lacuna da colmare perché proprio nel passaggio al nuovo millennio...



Leggi anche:

Come candidarsi al Piano Vaccini anti-Covid19: si cercano 13.000 infermieri

Fonti:

  • https://www.fanpage.it/milano/v-day-il-professor-galli-tra-i-primi-vaccinati-a-milano-lo-faccio-senza-se-e-senza-ma/
  • https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/12/15/covid-ricciardi-vaccino-obbligatorio-per-personale-sanitario_OIlHXRq1ne2DiUVQn6yUqM.html?refresh_ce
  • https://www.ottopagine.it/italia/attualita/240507/bassetti-chi-non-si-vaccina-non-deve-lavorare-in-sanita.shtml

Foto di cromaconceptovisual da Pixabay

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica e Cardiologia, Master in Tecniche ecocardiografiche (UniCattolica). Web Content Editor medico-scientifico, iscritto al Master in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza. Nel 2016, in collaborazione con la casa editrice Maggioli, ha fondato DimensioneInfermiere.it.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO